Benvenuti

INFORMAZIONI – AGGIORNAMENTI – CALENDARIO

Gli appuntamenti del mese

Scarica e consulta l'agenda con gli appuntamenti parrocchiali di questo mese.

In evidenza

I Venerdì di Quaresima

CICLO DI INCONTRI ONLINE - ore 20:45

Ciclo di incontri online con p. Gian Paolo Carminati. 

Il calendario e le modalità di connessione sono disponibili a questa pagina.


Raccolta prodotti di prima necessità

Per questo mese proponiamo una raccolta di TONNO E LEGUMI VARI, IN SCATOLA.

Un grazie a nome anche degli operatori Caritas per la generosità finora dimostrata nelle precedenti raccolte.


Benedizione della Famiglia

Tenendo presente la situazione dovuta alla pandemia, e seguendo le indicazioni del nostro Arcivescovo, quest’anno le Benedizioni delle Famiglie, previo accordo con il parroco, saranno fatte SOLO ALLE FAMIGLIE CHE NE FARANNO RICHIESTA COMPILANDO L’APPOSITO MODULO che sarà a disposizione in chiesa.



SAN GIUSEPPE CI RICORDA LA TENEREZZA DI DIO

Carissimi,

in questo anno dedicato a San Giuseppe, vorrei riprendere un passaggio della lettera apostolica del Papa (Patris corde) sulla figura di san Giuseppe. Lo faccio sia perché in questo mese ricordiamo San Giuseppe, modello di ogni papà ma anche del vero credente, sia perché attraverso la figura di San Giuseppe il Papa ci indica la necessità di riscoprire la tenerezza di Dio che si manifesta in modo del tutto particolare nel sacramento della Riconciliazione.

Giuseppe vide crescere Gesù giorno dopo giorno “in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini” (Lc 2,52). Come il Signore fece con Israele, così egli “gli ha insegnato a camminare, tenendolo per mano: era per lui come il padre che solleva un bimbo alla sua guancia, si chinava su di lui per dargli da mangiare” (cfr Os 11,3-4).

Gesù ha visto la tenerezza di Dio in Giuseppe: “Come è tenero un padre verso i figli, così il Signore è tenero verso quelli che lo temono” (Sal 103,13).

Giuseppe avrà sentito certamente riecheggiare nella sinagoga, durante la preghiera dei Salmi, che il Dio d’Israele è un Dio di tenerezza, che è buono verso tutti e “la sua tenerezza si espande su tutte le creature” (Sal 145,9).

La storia della salvezza si compie «nella speranza contro ogni speranza» (Rm 4,18) attraverso le nostre debolezze. Troppe volte pensiamo che Dio faccia affidamento solo sulla parte buona e vincente di noi, mentre in realtà la maggior parte dei suoi disegni si realizza attraverso e nonostante la nostra debolezza. È questo che fa dire a San Paolo: «Affinché io non monti in superbia, è stata data alla mia carne una spina, un inviato di Satana per percuotermi, perché io non monti in superbia. A causa di questo per tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. Ed egli mi ha detto: “Ti basta la mia grazia; la forza infatti si manifesta pienamente nella debolezza”» (2 Cor 12,7-9).

Se questa è la prospettiva dell’economia della salvezza, dobbiamo imparare ad accogliere la nostra debolezza con profonda tenerezza.

Il Maligno ci fa guardare con giudizio negativo la nostra fragilità, lo Spirito invece la porta alla luce con tenerezza. È la tenerezza la maniera migliore per toccare ciò che è fragile in noi. Il dito puntato e il giudizio che usiamo nei confronti degli altri molto spesso sono segno dell’incapacità di accogliere dentro di noi la nostra stessa debolezza, la nostra stessa fragilità. Solo la tenerezza ci salverà dall’opera dell’Accusatore (cfr Ap 12,10). Per questo è importante incontrare la Misericordia di Dio, specie nel Sacramento della Riconciliazione, facendo un’esperienza di verità e tenerezza. Paradossalmente anche il Maligno può dirci la verità, ma, se lo fa, è per condannarci. Noi sappiamo però che la Verità che viene da Dio non ci condanna, ma ci accoglie, ci abbraccia, ci sostiene, ci perdona. La Verità si presenta a noi sempre come il Padre misericordioso della parabola (cfr Lc 15,11-32): ci viene incontro, ci ridona la dignità, ci rimette in piedi, fa festa per noi, con la motivazione che «questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato» (v. 24).

Anche attraverso l’angustia di Giuseppe passa la volontà di Dio, la sua storia, il suo progetto. Giuseppe ci insegna così che avere fede in Dio comprende pure il credere che Egli può operare anche attraverso le nostre paure, le nostre fragilità, la nostra debolezza. E ci insegna che, in mezzo alle tempeste della vita, non dobbiamo temere di lasciare a Dio il timone della nostra barca. A volte noi vorremmo controllare tutto, ma Lui ha sempre uno sguardo più grande.

Carissimi, ho l’impressione che il virus abbia intaccato non solo i rapporti tra di noi, ma anche alcuni momenti di incontro con il Signore, come quello di abbandonarci alla tenerezza di Dio nella CONFESSIONE. Approfittiamo della quaresima per riprendere questa abitudine. Dio, ci ricorda il Papa, non ci condanna, ma ci accoglie, ci abbraccia, ci sostiene, ci perdona … ci viene incontro, ci ridona la dignità, ci rimette in piedi, fa festa per noi.

Perché privarci di questa tenerezza?

p. Giacomo, parroco


Catechesi e formazione

Le proposte della comunità

Altre attività della parrocchia

Orari e informazioni per centro d'ascolto e distribuzione alimentI/indumenti.

Scopri le attività del martedì pomeriggio.

Il coro è un servizio fondamentale della vita della parrocchia.