Benvenuti

INFORMAZIONI – AGGIORNAMENTI – CALENDARIO

Gli appuntamenti del mese

Scarica e consulta l'agenda con gli appuntamenti parrocchiali di questo mese.

In evidenza

Calendario Settimana Santa

31/3 -18:30 S.Messa crismale (in Cattedrale) Sono sospese tutte le Messe del pomeriggio
1/04 -18:30 Giovedì Santo S.Messa in Coena Domini
2/04 - Venerdì Santo - Possibilità di confessioni (chiesa). Possibilità dell’adorazione del Santissimo (cripta) 15:00: Via Crucis - 18:30: Liturgia della Morte di Gesù
3/04 - Sabato Santo Possibilità di confessioni (chiesa). Benedizione uova (al mattino, solo in chiesa) - 19,30 Veglia Pasquale  
4/04 - Domenica di Pasqua
 - ss.Messe orario festivo 


Benedizione della Famiglia

Se le condizioni igienico-sanitarie lo consentiranno, dopo Pasqua riprenderemo le Benedizioni alle Famiglie, che ne hanno fatto richiesta.

Raccolta prodotti di prima necessità

Per questo mese proponiamo una raccolta di prodotti per L’IGIENE PERSONALE. Un GRAZIE a nome anche degli operatori della Caritas per la generosità finora dimostrata nelle precedenti raccolte.



APERTURE D'APRILE

Carissimi,

siamo arrivati al mese di aprile. Il significato di questo nome è incerto, ma una tradizione lo fa risalire al verbo latino «aperire», cioè aprire. Questa etimologia mi piace, perché mi sembra riassumere bene quanto l’esperienza umana e cristiana ci fa vivere.

Aprile è il mese dell’apertura della natura, che dopo il riposo invernale comincia a sbocciare in tutte le sue potenzialità. Ma vorrei fermare la mia attenzione sulle «aperture» che in questo mese opera Dio.

Cerchiamo di seguirne la cronologia, cominciando dalle BRACCIA APERTE SULLA CROCE. Sono braccia inchiodate perché non possano richiudersi, ma rimanere spalancate per l’eternità così che l’uomo di ogni tempo e di ogni luogo possa trovarvi rifugio, possa sentire che Dio riserva un posto anche per lui tra le sue braccia.

Nel momento della morte di Gesù il VELO DEL TEMPIO SI APRE «dall’alto verso il basso»: Dio stesso elimina tutto ciò che si frappone tra Lui e l’uomo. Gesù, con la sua morte e risurrezione, colma la distanza tra Dio e l’uomo e permette di riprendere definitivamente il dialogo di alleanza interrotto dal peccato e dall’infedeltà dell’uomo.

Sulla croce c’è poi una ulteriore apertura: quella del COSTATO, del CUORE TRAFITTO. Gesù non si è tenuto nulla e nel dono delle ultime gocce di acqua e sangue vuole dimostrare all’uomo la totalità del suo amore. È un’apertura feconda, perché da quella sorgente di grazia è nata la Chiesa.

Ora l’attenzione si sposta e dal Calvario si indirizza su una TOMBA APERTA: è il sepolcro da cui è stato rotolato via il macigno che sembrava aver chiuso ogni speranza. È la tomba lasciata vuota dal Risorto. È la tomba aperta in cui ognuno di noi può constatare che la vita ha distrutto la morte. È il luogo dove Dio ha plasmato l’uomo nuovo, fatto a immagine del suo amato Figlio.

E per noi, discepoli?

A questo punto c’è una apertura che ci riguarda, e nasce dall’incontro con il Risorto: «Allora SI APRIRONO LORO GLI OCCHI e lo riconobbero» (Lc 24,3). La familiarità con i gesti del Risorto porta i discepoli di Emmaus a riconoscerne la presenza: lo spezzare il pane, la spiegazione delle Scritture … Ma occorre esserci quando Gesù si fa incontrare ed entra, nonostante le nostre porte chiuse. Tommaso non è capace di avere “occhi aperti” fino a quando rimane lontano dalla comunità del Risorto. È solo partecipando alla vita della comunità dei discepoli che può mettere il dito nelle aperture del Risorto e dare la sua adesione di fede (cf. Gv 20,24-29).

L’ultima APERTURA è quella del CENACOLO. Lì si erano asserragliati i discepoli. L’incontro con il Risorto e la forza dello Spirito portano a rompere le catene della paura, APRONO IL LORO CUORE e spalancano sul mondo le porte dietro cui i discepoli si erano trincerati… e nascono i testimoni.

Carissimi, non lasciamoci spaventare dalle tante porte da aprire, perché in fondo la chiave è unica, è una chiave universale, è la CHIAVE DELL’AMORE: l’amore di Dio che nella morte e risurrezione di Gesù ci raggiunge con la sua salvezza e l’amore del discepolo che lo rende testimone. Dio, lo sappiamo, le sue porte le spalanca. Sta a noi, ora, avere la forza di aprire i nostri occhi, vincere le nostre paure e ritrosie e diventare annunciatori coraggiosi e coerenti di questo amore che ha il potere di aprire i cuori.


p. Giacomo, parroco


Catechesi e formazione

Le proposte della comunità

Altre attività della parrocchia

Orari e informazioni per centro d'ascolto e distribuzione alimentI/indumenti.

Scopri le attività del martedì pomeriggio.

Il coro è un servizio fondamentale della vita della parrocchia.